Arte&Stile

Marco Nereo Rotelli

L'atelier dell'artista della Luce

di Lavinia Colonna Preti
L’atelier di Marco Nereo Rotelli — Lombardia Secrets

Alla scoperta dei segreti dell'artista che unisce la Poesia al linguaggio della Scultura e della magia delle installazioni luminose, ponendo la Parola come centro della sua analisi sul mondo.

Una piccola porta dorata nella zona di via Macenate, una delle ultime periferie di ex fabbriche di Milano dove ancora si trovano spazi giganti di archeologia industriale da restaurare, apre le porte dello straordinario mondo creativo dell’Artista della Luce, allievo di Emilio Vedova, l’appellativo con cui Marco Nereo Rotelli è conosciuto internazionalmente.

Nato a Venezia nel 1955, dove si laurea in architettura, artista colto e raffinatissimo, capace di citare a memoria migliaia di versi, elegge negli anni Milano come sua città d’adozione e ivi crea il suo atelier, prima in via Tortona, uno dei primi a credere in quell’area, e da qualche mese in via Quintiliano dove ha ristrutturato un gigantesco loft.

L’atelier di Marco Nereo Rotelli — Lombardia Secrets
L’atelier di Marco Nereo Rotelli — Lombardia Secrets

Il luogo ideale dove incontrarlo e immergersi, con l’emozione unica che solo l’incontro di un artista nel luogo magico dove le sue opere prendono vita può dare, in una straordinaria antologica di oltre 40 anni di lavoro.
Da vero artista bohemien, il suo spirito girovago, curioso e bon vivant lo ha portato a conoscere e diventare amico di due generazioni di artisti, filosofi, poeti, musicisti; da Alda Merini a Fernanda Pivano, da Lawrence Ferlinghetti a Séamus Heaney.
Legami che lo hanno portato a creare un unicum espressivo nel panorama dell’arte: unire le arti visive alla poesia attraverso l’utilizzo della forza della parola sublimata con l’aiuto di tecniche espressive rubate al linguaggio dell’architettura.

Prendono così vita alcune delle opere più famose dell’artista come le Porte D’Oro, installazioni in foglia d’oro e smalto su porte recuperate da palazzi e ville abbandonate su cui sono dipinti versi contemporanei, icona aurea di ciò che non può essere perduto. Memorabile nel 2008 a Parigi, l’opera The Golden Wood realizzata con cento porte d’oro lungo gli Champs Élysées.

O ancora le Parole di Pietra, esposte a Roma all’EUR e a Parigi alla Mairie du 5e arrondisement, nate come una promanazione della grande installazione La cava dei poeti: un’intera cava di marmo di Carrara abbandonata che ha scolpito nelle pareti con i versi di poeti contemporanei. I libri di pietra, “libri-concetto” che riportano versi dedicati all’identità, nel 2011 diventano anche una bellissima l’installazione realizzata per la 54ª Biennale di Venezia e nel 2019 sono proposti anche nella variante in vetro colorato realizzati dal maestro vetrario muranese Massimiliano Schiavon. Oggi “arredano” la zona living di alcuni fortunati collezionisti che si sono fatti commissionare un’intera biblioteca di libri di vetro o di prezioso marmo bianco.

L’atelier di Marco Nereo Rotelli — Lombardia Secrets

Una passione quella di Rotelli per l’arte che si fonde con l’interior design come si evince anche dalle sue tante opere esposte in luoghi conviviali. Come il quadro Messaggi per l’Umanità, composto di piccole tele di 20×20 dipinte con linguaggi dimenticati: dai pittogrammi Rapa Nui ai simboli dei Nativi Americani, esposta nel ristorante stellato Viva di Viviana Varese all’interno di Eataly Milano e richiamo alla grande installazione Save the Poetry creata per l’Espace Culturel Louis Vuitton di Parigi.

Ma sono forse le sue opere di neon-art e le grandi installazioni di luce che hanno portato Rotelli ad essere conosciuto in tutto il mondo per le sue performance creative, come nel 1996 quella in omaggio al teatro La Fenice di Venezia, appena distrutto da un incendio, e presentata alla Quadriennale di Roma; o del 2005 alla 51.Biennale di Venezia, per il recupero dell’isola di San Secondo nella laguna veneziana, per cui è stato insignito di targa d’argento della Presidenza della Repubblica o, ancora, nel 2011 a Venezia la sua installazione luminosa a Palazzo Ducale che inaugura il Padiglione Italia alla 54. Esposizione Internazionale d’Arte e nel 2017 la grande mostra con Adonis e l’installazione luminosa al MACRO di Roma, solo per citarne alcune.

E dopo la visita all’atelier? Prenotate alla Trattoria al Nuovo Macello, uno dei luoghi preferiti dell’artista.

Info utili

Atelier Marco Nereo Rotelli
Via Quintiliano 24
20138 Milano
info@marconereorotelli.it

 

Trova i luoghi secret più vicini alla tua città